La parola a Mario Paterlini. AD del Gruppo Sapio

XIV edizione del Premio Sapio - Cerimonia conclusiva. Da sinistra Maurizio Colombo, Jessica Masiero, Mario Paterlini, Federico Viola, Caterina Berliri, Andrea DossiPremio Sapio: largo ai giovani!
 
Da quanto è nato, il Premio Sapio, ha attribuito  grande attenzione alla medicina e alle biotecnologie, considerati temi cardine sui quali  mantenere  acceso  il confronto tra il  sistema sanitario e il mondo della ricerca, per sviluppare servizi e soluzioni personalizzate, per migliorare la qualità di vita e diminuire drasticamente i costi sanitari. Ma si è occupato anche di ambiente, di alimentazione, di innovazione industriale. Il Premio Sapio riparte oggi dal concetto di innovazione, dall’idea di dare un peso forte a tutto ciò che ci proietta verso un futuro fatto di qualità, sostenibilità, tecnologia al servizio delle persone e dell’ambiente.
Quest’anno le sezioni del Premio sono quattro, una in più rispetto alle precedenti edizioni: il Premio Sapio Ricerca, destinato a lavori svolti da ricercatori e studiosi di qualsiasi età che si siano distinti per la propria attività di studio, in qualunque ambito, e  per l’impegno nel raggiungere i propri obiettivi, il Premio Sapio Innovazioneriservato a  tutti coloro, di qualsiasi età, che sperimentando o applicando nuovi metodi, processi,  tecnologie, sistemi   hanno determinato  innovazione, il Premio Sapio Sicurezza, destinato a lavori di ricerca che riguardano le tematiche della sicurezza nell’ambito della crioconservazione, e il Premio Sapio Junior, destinato esclusivamente a lavori di ricerca svolti giovani di età inferiore ai 30 anni che si siano distinti per la loro attività di studio, in qualunque ambito.
Un premio destinato ai giovanissimi, quindi, perché crediamo sia fondamentale  dare voce e visibilità a giovani di eccellenza. Riteniamo doveroso incoraggiare e aiutare la loro curiosità intellettuale che merita una formazione di qualità. Sono tenaci, determinati e ci danno una grande lezione di vita: a questa età attuano un pensiero, il loro pensiero, preziosa anticipazione di futuro, nel nostro Paese e nel mondo.
Non c’è dubbio che oggi i ragazzi si trovano ad affrontare un contesto difficile, in cui troppo spesso sentono parlare di crisi, recessione, incertezza, un clima che può infondere un naturale senso di sfiducia smorzando l’iniziativa.
Abbiamo dunque l’obbligo di creare le condizioni ideali per permettere a ognuno di loro di sognare, accrescere l’energia positiva e non soffocare l’entusiasmo. Abbiamo un dovere di serietà, un impegno a non disattendere le loro aspettative. Con questa predisposizione li sosterremo nell’affrontare il futuro con l’ottimismo e la fiducia con cui potranno realizzare grandi cose e creare un mondo armonioso e sereno. I giovani che scelgono di investire in conoscenza, di aumentare le loro competenze, di affrontare il futuro puntando sul sapere, superando il pregiudizio di una generazione sempre più stereotipata, devono avere la possibilità di ottenere le soddisfazioni  e i successi che meritano.
Abbiamo ragazzi creativi, curiosi, innovativi, che mostrano profondo interesse per il mondo che li circonda, culturalmente aperti ad accogliere cambiamenti e a mettersi in gioco. Credono nel futuro sperimentando sacrifici e hanno le potenzialità per migliorare il proprio Paese che rappresentano al meglio, ma non si può negare che sono tanti i giovani che lasciano il nostro Paese.
Vogliono e devono fare esperienze internazionali, ma non dobbiamo permettere che lasciare l’Italia sia l’unica possibilità per mettere a frutto le loro capacità e competenze.
Nonostante i luoghi comuni, posso dire per esperienza che la percezione che all’estero si ha di noi italiani è positiva, decisamente migliore rispetto a quanto spesso avvertiamo vivendo in Italia. La storia è ricca di eccellenze nel campo dell’arte e della cultura, la nostra creatività universalmente riconosciuta.

Mario Paterlini, Amministratore Delegato del Gruppo Sapio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...