Calcestruzzo Nanocomposito Intelligente per il monitoraggio diffuso di strutture e infrastrutture

skudoklima-come-funzionaAutore del lavoro candidato: Antonella D’Alessandro

SINTESI CONTENENTE UNA BREVE DESCRIZIONE DEL LAVORO SVOLTO E DEI RISULTATI OTTENUTI: La ricerca riguarda lo studio di un nuovo materiale nanocomposito autodiagnosticante e la realizzazione di sensori intelligenti per il monitoraggio strutturale. Il materiale sviluppato è stato realizzato inserendo nanotubi di carbonio conduttivi all’interno di una matrice cementizia, attraverso opportune modalità di miscelazione. La capacità di autodiagnosi si ottiene correlando la variazione dello stato deformativo del composito con la variazione di alcune sue caratteristiche elettriche, come ad esempio la resistenza elettrica. Attraverso la misura di tali caratteristiche elettriche si possono quindi monitorare le prestazioni e le condizioni di lavoro dell’elemento oggetto di indagine. Per la natura del m ateriale costituente, questi nuovi sensori possono essere inseriti all’interno di elementi in calcestruzzo e quindi trasformare le strutture stesse in sensori diffusi. Rispetto ai trasduttori tradizionalmente impiegati nel monitoraggio strutturale, tali sensori innovativi presentano notevoli vantaggi legati alla maggiore durabilità ed alla possibilità di essere applicati in maniera distribuita, al limite trasformando l’intera struttura in un organismo auto-monitorante. Per le proprietà peculiari del materiale innovativo con cui sono realizzati, tali sensori nanocompositi a base di cemento sono particolarmente adatti per diversi settori dell’ingegneria civile come il monitoraggio strutturale, il monitoraggio e la gestione del traffico e dei parcheggi, la realizzazione di pavimentazioni multifunzionali, anche per data center e sale computer, l’organizzazione di smart cities.

Annunci